2A Group

rigenAct

La magnetoterapia rigenAct portatile è un trattamento biofisico che favorisce i processi riparativi dei tessuti molli e del tessuto osseo, accelerando la guarigione di diverse patologie e abbreviando i tempi di recupero delle fratture.

RigenAct portatile ha dimensioni ridotte ed è alimentato a batteria per una maggior comodità del paziente; è di semplice utilizzo e gestibile con un unico tasto. E’ portatile e garantisce massima libertà di movimento.

RigenAct  portatile è un dispositivo medico certificato dal Ministero della Salute.

MAGNETOTERAPIA rigenAct

La magnetoterapia rigenAct portatile eroga un campo magnetico che attiva e accelera il processo di guarigione delle cellule e dell’osso, in tutte quelle condizioni in cui sia evidente una insufficiente attività naturale.

RigenAct  portatile accelera la formazione del tessuto osseo e abbrevia i tempi di recupero del 30%.

RigenAct  portatile è costituito da un generatore di segnale alimentato da una batteria ricaricabile; sia nella versione noleggio che nella versione vendita, viene fornito con l’applicatore (solenoide) più appropriato per la sede muscolo scheletrica da trattare.

RigenAct è utilizzabile anche in presenza di mezzi di sintesi (placche, viti, chiodi, fissatori) e di gesso.

Undici applicatori (solenoidi), specifici per le diverse sedi muscolo scheletriche, garantiscono il massimo comfort del paziente e una focalizzazione costante del segnale sulla sede da trattare.

La durata del trattamento giornaliero con rigenAct portatile varia dai 20 ai 120 minuti. Il trattamento può essere effettuato sia durante il giorno che durante le ore notturne.

La magnetoterapia rigenAct portatile è semplice da utilizzare.

Per garantire l’efficacia della terapia, i parametri di trattamento sono preimpostati e non sono modificabili, anche solo accidentalmente, dal paziente.

Il paziente deve semplicemente accendere e spegnere l’apparecchiatura con un unico tasto spostandolo a destra o a sinistra in base a quanti minuti di terapia occorra fare.

LA MAGNETOTERAPIA SFRUTTA I BENEFICI DEI CAMPI MAGNETICI A SCOPO CURATIVO E RIABILITATIVO. SCOPRIAMO COS’È, COME FUNZIONA E I RISULTATI DELLA MAGNETOTERAPIA IN CAMPO FISIOTERAPICO.

COS’È LA MAGNETOTERAPIA

Qualcuno dice che già gli antichi Egizi conoscessero e sfruttassero i campi magnetici a scopo curativo. Quel che è certo è che negli ultimi anni non si fa che parlare dei benefici della magnetoterapia. Ma in cosa consiste questa pratica fisioterapica? Quali sono i suoi ambiti di applicazione? Cerchiamo di conoscerla meglio.
Come si evince già dal nome, la magnetoterapia utilizza gli impulsi elettromagnetici al fine di aiutare nella cura di diverse sintomatologie legate a stati infiammatori o a patologie ossee. I campi magnetici pulsati interagiscono con le strutture cellulari, favorendo il recupero delle condizioni fisiologiche. Inoltre la magnetoterapia stimola la circolazione sanguigna, migliorando così l’ossigenazione dei tessuti.
All’atto pratico, questi effetti si traducono in analgesia, riduzione dell’infiammazione e stimolo al riassorbimento degli edemi. In più i campi magnetici pulsati hanno un particolare effetto di stimolazione della migrazione degli ioni Calcio all’interno dei tessuti ossei, che è in grado di indurre il consolidamento della massa ossea e favorire quindi la riparazione delle fratture.
La magnetoterapia pertanto risulta efficace nella riduzione del dolore, stimola lo scambio cellulare, favorisce l’ossigenazione dei tessuti e riduce i tempi di guarigione successivi alle fratture.

COME FUNZIONA LA MAGNETOTERAPIA

Chiarito che la magnetoterapia sfrutta i campi elettromagnetici per curare alcune patologie, cerchiamo di capire come funziona.
Questa terapia si serve di un apparecchio costituito da un solenoide, all’interno del quale si genera un campo elettromagnetico di frequenza variabile: da pochi hertz a qualche migliaio. Le frequenze utilizzate dipendono dal disturbo da curare. Le nostre cellule sono in grado di generare un campo elettromagnetico in risposta ad uno stimolo meccanico: questa capacità si chiama piezoelettricità e la magnetoterapia è in grado di riprodurla, velocizzando così la guarigione.
Le onde utilizzate nella magnetoterapia sono del tipo non-ionizzanti e non invasive, non presentano cioè rischio biologico per il paziente e per il professionista che applica la terapia dato che non vengono assorbite dagli organi o dai tessuti.
I più moderni apparecchi per la magnetoterapia hanno caratteristiche molto apprezzate dai pazienti: possono essere infatti utilizzati comodamente a casa grazie alla possibilità del noleggio. Naturalmente, questo non vuol dire che si possa prescindere in toto dalla supervisione di un professionista: per impostare la terapia in base alle esigenze di chi deve essere curato è necessaria la competenza di un esperto del settore. Ciò non toglie che la possibilità di noleggiare gli apparecchi per la magnetoterapia e di svolgere le sedute a casa sia una vera rivoluzione per chi ha bisogno di terapie.

A COSA SI APPLICA LA MAGNETOTERAPIA

Vediamo un elenco delle situazioni patologiche in cui è consigliabile l’utilizzo della magnetoterapia:

  • Artrite, artropatie, artrosi, artrosi cervicale, artrosi del ginocchio e artrosi della spalla
  • Atrofie muscolari
  • Borsite
  • Cervicalgia
  • Colpi di frusta
  • Contratture
  • Contusioni
  • Coxartrosi
  • Cuffie dei rotatori
  • Distorsioni
  • Dolore alla schiena e dolori articolari
  • Epicondilite
  • Epitrocleite
  • Frattura del polso, dello scafoide, dell’avambraccio, del bacino, della clavicola e del collo del femore. Ritardi di consolidazione delle fratture
  • Lombalgia
  • Lussazioni
  • Miosite
  • Osteoporosi
  • Periartrite
  • Sciatalgia
  • Strappi
  • Sublussazioni di arti inferiori e superiori
  • Tendiniti
  • Torcicollo

CONTROINDICAZIONI DELLA MAGNETOTERAPIA

Sebbene la magnetoterapia sia un tipo di trattamento decisamente non invasivo, in alcuni casi particolari ne è sconsigliata l’applicazione.
Infatti, se si hanno pacemaker o altri dispositivi inseriti nel corpo, le onde elettromagnetiche potrebbero interferire con il loro funzionamento ed è quindi meglio evitare questo tipo di terapia. Lo stesso discorso vale anche per chi ha protesi di metallo. Infine, non è il caso di sottoporsi alla magnetoterapia durante la gravidanza e l’allattamento, ma anche in presenza di malattie cardiache, tumori o ipertiroidismo.
In generale, comunque, si può dire che la magnetoterapia è un trattamento sicuro e che le controindicazioni sono veramente poche.

NEWS

Parkinson: Guarito dal tremore senza intervento

GUARISCE DAL TREMORE DELLA MANO SENZA INTERVENTO: SUCCEDE AL…

L’utilizzo della tecnologia ha comportato risultati positivi in diverse sperimentazioni condotte su animali. Nel 2019 è in programma un test sugli esseri umani

Un team di ricercatori australiani, coordinato da Jurgen Gotz, esperto in demenza senile, ha sviluppato una tecnica a ultrasuoni che sarebbe in grado di restituire la memoria ai pazienti affetti dal morbo.

La magnetoterapia può combattere efficacemente molte malattie virus e batteri

La magnetoterapia può combattere efficacemente molte malattie poiché molti tipi di virus e batteri vengono distrutti dalle alte frequenze modulate. Allo stesso modo riesce a debaterrizzare alimenti e superfici senza ricorrere a disinfettanti.

CERVICALGIA

Dolore intenso al collo, rigidità muscolare, mal di testa sono…
© Copyright - Dolcontrol 2A GROUP - PI: 06586711217 - Tel: 081 8201417 Email: info@2agroup.it